Capalbio

Per il contesto ambientale in cui si trova e per l’importanza storico-artistica assunta in epoca rinascimentale,  Capalbio è stata soprannominata anche la piccola Atene.

E’ sicuramente uno di borghi sul territorio vicino a Manciano, che vide in ragione delle vicende storiche, la presenza del numero più elevato di culture diverse, ciascuna delle quali impresse il suo marchio sul paese, dandovi un importante sviluppo.

Tra gli edifici da visitare, oltre al Castello, è da segnalare la Chiesa di San Nicola, edificata in epoca medievale, che conserva al suo interno pregevoli affreschi coevi e di epoca rinascimentale.

Ma gli edifici più caratteristi di Capalbio sono le architetture militari: le mura di Capalbio, costituite da una doppia cinta con camminamenti a livelli differenti, racchiudono interamente il caratteristico borgo medievale; il Castello di Capalbiaccio; il Forte di Macchiatonda, situato sull’omonima spiaggia; la Torre di Buranaccio, situata tra la sponda del Lago di Burano e il mare, è la torre costiera più meridionale della Toscana.

Nelle vicinanze di Capalbio si trova anche il Giardino dei Tarocchi, realizzato da Niki de Saint Phalle, e appena fuori da una delle porte cittadine è stata collocata una statua dell’artista franco-americana, la “Nana-Fontaine”.

Per chi ama la natura sono molte le aree naturali di interesse, tra tutte ricordiamo l’oasi WWF del Lago di Burano.