manciano_mimosa

Manciano è un delizioso paesino che sorge su una collina nel cuore della Maremma, ad un altezza di 444 m sul livello del mare. Dall’alto del colle la vista spazia su un panorama veramente unico, senza alcun dubbio capace di sorprendere ed affascinare: l’ incanto della natura, delle campagne coltivate, i vigneti, gli oliveti, il mare, con le coste del promontorio dell’Argentario, e la montagna, con il profilo del Monte Amiata, che si erge a 1.738 mt. Nei giorni più limpidi dalla cima del Cassero si possono scorgere le isole dell’arcipelago toscano e, in lontananza, anche la Corsica.

Le origini del centro abitato si collocano nell’alto periodo medievale, anche se, nelle sue campagne, non mancano ritrovamenti e testimonianze della presenza delle popolazioni degli Etruschi e dei Romani.

E’ bello passeggiare nella parte più antica del paese. Le vie strette e i vicoli raccontano la storia di questo bel borgo, in cui famiglie nobili fiorentine e senesi avevano scelto di tenere le loro residenze estive. Se ne vedono ancora le tracce, negli stemmi scolpiti sulle architravi che incorniciano le finestre. Via Roma era un tempo il luogo in cui si concentravano le botteghe ed i negozi. Le insegne di una macelleria e di una tabaccheria dei tempi andati sono rimaste a ricordarci la destinazione d’uso di questa via. Oggi, in questa parte del paese, dalla primavera a settembre inoltrato, le signore che ci abitano fanno a gara per decorare con i fiori i davanzali e le soglie delle loro case.

Tra le vie del centro storico di Manciano si trovano inoltre alcuni interessanti ed importanti monumenti, in particolar modo ricordiamo la presenza della Chiesa di San Leonardo, principale costruzione religiosa del borgo; la piccola Chiesa della Santissima Annunziata, che sorge appena fuori le mura; la Fontana di Piazza Garibaldi, un monumento in stile Liberty, realizzato nei primi anni del 1900 su progetto di un celebre artista locale, Pietro Aldi; il Cassero Senese, ovvero la Rocca Aldobrandesca, che è il simbolo del paese e la Torre dell’Orologio, costruita sotto il dominio della Repubblica di Siena.